sabato 16 ottobre 2010

REALTA' POPOLANE ATTRAVERSO VERNACOLO E MUSICA





















di Franco Giannini

Le Foto, invece, sono state "rubate" al poeta, ma non solo, Simone Tranquilli in arte Quilly da FB e con il quale mi scuso per la mia sfacciataggine, ma che doverosamente e sentitamente ringrazio, anche per avermi immortalato con alcuni primi piani.

dall'alto verso il basso e da Sx a Dx: Il "tavolo di lavoro", il ripasso, un giornalista d'assalto, la redazione di 60019.it, una veduta del pubblico, il complesso 4 cani, un loroprimo piano.

...una serata di poesia vernacolare tra serio e faceto !!

I cani in sala ieri sera non erano i 4 del giovane e bravo gruppo musicale, bensì 9, se si considerano anche i cinque dicitori e poeti, che ci hanno regalato due ore di sano spettacolo. Ben s'intenda, 9 cani si, ma non in senso dispreggiativo, perché tutti con tanto di "pedigree" che ne attesta le loro qualità.
Come giustamente sottolineato da Simone Tranquilli, in arte "Quilly", non si è ancora compreso bene se fosse la musica a fare da supporto alla poesia o viceversa.
Fatto è che le sensazioni che lo spettacolo ha trasmesso, sono state quelle di un continuo passaggio tra la piacevolezza della musica, la riflessione che certe liriche hanno procurato, per passare poi a certe poesie che hanno suscitato invece l' ilarità con battute popolane, ma cariche di quelle verità giornaliere, che poi riportate in pubblico, ci fanno riconoscere e sorridere dei nostri stessi pregi e difetti.
Antonietta Calcina, Simome Tranquilli, Andrea Scaloni, Leonardo Barucca, i poeti e dicitori, a cui si è aggiunta la voce recitante di Anna Maria Bernardini che ha preso in prestito una poesia dell'indimenticabile Antonio De Curtis, in arte Totò, per declamare in napoletano " 'A Livella", ed a cui ha fatto poi seguire, nel suo originario dialetto, il romanesco, quasi a suggellare un gemellaggio con Senigallia, due sonetti di Trilussa. Belle le poesie, come altrettanto lo sono state tutte le interpretazioni.
Quilly, Andrea, Leo,... 3 amici che ho conosciuto attraverso le pagine del Web, ed anche la Sig.ra Antonietta che ho conosciuto, lei neppure lo sa e forse lo verrà a conoscere solo ora, se avrà modo di leggere queste righe, sempre attraverso il Web, quando ho scoperto che era la mamma di un'altra amica della rete e di Cittadinanza Fattiva : Laura Pacchiarotta (Pacchy). A loro tutti va un dovuto grazie, come anche va indirizzato alla madrina di questa iniziativa che è l' Anna M. Bernardini e al circolo ACLI di San Silvestro, attraverso la persona del suo Presidente Oliviano Sartini che con il suo sostegno ha patrocinato questo evento.

“Staccia minena”

di Leonardo Barucca

Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
ch’ babbo è andat’ in guerra
e nun artorna più.
J han dett’ “Va malagiù,
va giù a purtà la pac’ ”
e in pac’ ade’ ce lu.
E tu nina d’ nonna
manch’ ‘l cunusc’rai
e nun c’ pudrai piagn’,
perché è fatiga a piagn’
sa na fotografia
e na m’daja e ‘n brett’.
Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
La cumpagnia s’è sciolta
squajata da l’ bomb’
e babb’t ‘n l’arporta
manch’ ‘l bambin’ Gesù.
Diceva: “ ‘l fo’ p’r lia,
p’r sta fiulina mia,
si parti vuluntari’
t’aument’n’ ‘l salari’.
In fin ‘nn è un m’stier?
Com’ fussi ‘n carp’ntier,
n’idraulich’, ‘n sartor’,
barbier’ o murador’.
E po’ miga vo’ in guerra,
no’ sem’ un corp’ d’ pac’.”
Ecca! Tu guarda invec’
ch’ fin hai fatt’ fiol mia,
quej li sta pac’ tua
nun l’hann’ vuluta cred’.
E sta fiulina bella
che rid’ sopra i ginocchi
da granda c’avrà i occhi
più bej d’ la cità,
e tu ‘n la pudrai ved.
Farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
Ma la nina…
butt’la via.

Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
ch’ babbo è murador’
e nun artorna più.
J han dett’ “Va malasù,
e smonta ch’ l’ ternit’ ”
e lu è cascat’ giù,
punto. Nicò f’nit.
E tu ninin’ d’ nonna
manch’ ‘l cunusc’rai
e nun c’ pudrai piagn’,
perché è fatiga a piagn’
l’ cronich’ d’i giurnaj,
na canutiera stroppa,
e ‘n par d’ guanti giaj.
Staccia minena
co’ è ch’ farin’ da cena,
farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
I cumpagni hann luccat’,
chiamat’ ma l’ambulanza
pr’gat’, biastimat’,
ch’ sempr’ la sp’ranza
è l’ultima a murì.
Diceva: “ ‘l fo’ p’r lu,
p’r st’ fiulinn’ mia.
Vò in alt’ e staggh’ atenti,
ma ‘nn’è ch’ poss’ durmì.
Si ved’n’ ch’ sei svelt’
t’aument’n’ ‘l salari’:
i afari ènn sempr’ afari.
E po’ miga vo’ in guerra,
fò sol’ ‘l murador’.”
Eri un ragazz’ d’or’
ch’ fin hai fatt’ fiol mia.
Dulor’ sopra ‘l dulor’
sapè ch’ qualchidun’
dirà ch’ “si però
capac’ ch’era drugat’,
capac’ ch’aveva but’ ”
che insomma è colpa tua.
E st’ fiulin’ machì
che m’ rid’ ‘n‘tra i bracci
da grand’ sarà ‘l purtier’
d’la sguadra d’ la cità,
ma tu nun ‘l vedrai.
Farin’ i maccaron’
p’r babb’ e p’r nunon’,
p’r tutta la cumpagnia.
Ma ninin…
butt’l’ via.

Commenti di lettori su 60019:
m' vien da piagn'
Scritto da Maurizio Tonini Bossi il 16/10/2010 ore 23:58
Al'iniz' ho ris' ma dop' ?! è robba ch' m' mett' a piagn'... io, c'ho vcissut' al Port' e c' c'ho 3 fioi che, no pr me, vurria campà 200 anni .- Grazie Roberto



2 commenti:

Anna ha detto...

Grazie Franco! Sei una persona sensibile e un grande osservatore. Mi fa sempre piacere leggere i tuoi resoconti perchè, detto tra noi, sono i più realistici e i più dettagliati! Un abbraccio.

Anna Bernardini

enrico dignani ha detto...

E' stata una bella serata che ho seguito in parte,una buona atmosfera nella musicalità del dialetto un socializzare intelligente e un bel soffitto.
Il gruppo musicale carini da morire.ciao.