martedì 21 giugno 2016

Diversamente Giovani : La TARI, un servizio che il Comune ti offre con il Disservizio !

Sembra lo facciano apposta ! Per una volta che si evita di parlare del servizio come raccolta, ecco che lo si deve fare per un disservizio  di carattere Amministrativo.

Ohi, si guardi bene che non si parla più del servizio di raccolta, perché il cittadino è stato preso per "stanchezza" e quindi ha rinunciato alle critiche. Per qualcuno, questo silenzio (o meglio il solito borbottio senigalliese) sarà stato concepito anche come un vittoria, comunque buon per lui, chi si accontenta gode!
Ma quello di cui da una decina di giorni si parla in città, è quell'organizzato disservizio della tardiva consegna delle bollette della TARI con i relativi importi da pagare e le rateizzazioni concesse. Al momento in cui scrivo (21 Giugno 2016 ore 15,36) al sottoscritto deve essere ancora recapitata.
La tassa, per chi non lo sapesse, doveva essere pagata entro la data del 16 c.m. onde non incorrere nella sovrattassa prevista in questi casi. Ecco che allora, l'Amministrazione, tastato il polso del malcontento della popolazione (che si guardi bene, si preoccupava di pagare in tempo lo Stato, diversamente da quello che lo stesso fa con il cittadino!), in data 14 c.m. (appena due giorni prima della scadenza del 16!) alle ore 15,57 emetteva un comunicato stampa in cui tra l'altro veniva indicato :"...che il pagamento della prima rata della Tari (Tassa rifiuti) 2016 potrà essere effettuato entro la data del 30.06.2016 senza incorrere nell’applicazione di alcuna sanzione." e proseguiva con :" Per ulteriori informazioni, ricordiamo che lo sportello tributi è aperto il lunedì e... - continuava  e terminava con - L’ufficio è raggiungibile anche attraverso lo sportello telefonico, attivo allo 071.6629370 il martedì pomeriggio dalle ore 15.15 alle ore 17.15 e il giovedì mattina dalle ore 9.00 alle ore 13.30, o via mail all’indirizzo info.tributi@comune.senigallia.an.it ".
Ecco che allora forte anche del fatto che "Chiedere è lecito e rispondere è cortesia" ed ancor più in questo caso che venivo sollecitato a farlo e che quindi la risposta doveva essere considerata ancor più di una semplice cortesia dal momento che non ero io la persona in difetto, mi son precipitato ad usate l'indirizzo di posta, piuttosto che utilizzare il numero di telefono che il più delle volte è un modo poco garbato per passare avanti a quegli utenti che in ufficio stanno invece facendo la coda.
Così scrivo una mail (16 c.m. alle 14,31) all'indirizzo fornitomi nel Comunicato Stampa, in cui richiedo una copia della bolletta con l'importo, non tralasciando di esprimere anche il mio malcontento specificando che questo non è assolutamente nei confronti degli impiegati e della dirigente, ma più in alto. Quello che ho ricavato da tutto questo è il silenzio assoluto da parte dell'Amministrazione. 
Eppure, oltre alla copia della bolletta, avrei dovuto ricevere altre illuminazioni, quale la data che mi sarà assegnata quale ultimo termine di pagamento (il 30 giugno per quelli che l'ha ricevuta il giorno 14, ma io che ancora la devo ricevere?? sempre il 30 ?? Ed eventualmente questa sarebbe una soluzione equa ??) il tipo di rateizzazione, dal momento che ad alcuni utenti è stato concesso due rate ed ad altri 3, come mi devo comportare se questa bolletta non mi arriva neppure per il 30 ? Perché c'è anche da dire che non ha una data segnata nella busta di consegna. Vale quindi la mia parola del quando la riceverò, o vale quella dell'Amministrazione che dice di avermela inviata punto e basta e che quindi devo pagare? E poi ancora, perché devo essere io a preoccuparmi a rintracciare la bolletta, se sono loro ad essere dalla parte del torto nell'aver organizzato un servizio a dir poco "biasimevole"?
Ma poi, ripensandoci, ed avendo letto un articolo in merito di un Consigliere Comunale, a cui non è stata data alcuna risposta, mi son chiesto :" ma tu chi ti credi di essere??". La risposta l'avrei, ma l'educazione m'impedisce di darla.
Io sarò anche polemico, ma certo, che spesso si critica il Sindaco per tante cose, ma almeno lui, quando gli si scrive nella rubrica "Scrivi al Sindaco" dopo poco tempo ti risponde. Che poi la risposta piaccia o meno, questa è un'altra cosa. Ma almeno ti risponde! E credo che rispetto ad un assessore gli impegni siano più numerosi e più impegnativi. Credo !!
Qui, invece la cosa scandalosa è che organizzativamente hanno fatto acqua fin dall'inizio con il commissionare l'appalto della stampa e consegna delle bollette, hanno cercato allora di afferrare la ciambella di salvataggio affinché tenesse loro la testa fuori dall'acqua prolungando la data di scadenza, con l' invitarti a telefonare e scrivere, ma poi hanno preso il salvagente forato (la mancata risposta). Evidentemente ancora una volta non sanno come discolparsi e preferiscono affogare nel silenzio. A pensare si, che sarebbe tanto semplice invece continuare a galleggiare, seppur maldestri nuotatori, basterebbe chiedere semplicemente scusa, magari proprio in quella famosa mail di risposta ancora nel cassetto del dimenticatoio. 
Ehhhh!!!! lo so, ma loro son politici !!





di Franco Giannini

AGGIORNAMENTO  al 28 Giugno 2016 dietro segnalazione privata con un messaggio e neppure anonimo. Dopo aver ripostato il post di cui sopra, mi sono arrivate altri che confermano di non aver ricevuto nulla da qui il mio commento su FB:
"Qui, a quanto pare, i miei amici faccebocchiani sembra l'abbiano ricevuta tutti. Poi chissà perchè, qualcuno preferisce usare i messaggi privati per esternare il proprio malcontgento perchè ancora le acque non si sono rotte ed il "lieto" evento è rimandato a data da destinare. Attenzione che il nick name "brontolone" è stato gia usato da chi scrive. Coraggio che non ce n'è molta, ma ancora uno scampolo di democrazia ancora esiste. Uscite allo scoperto, almeno in questi casi, dove il cittadino si indigna perchè VUOLE PAGARE e non evadere, e ad impedirglielo sembra sia chi invece è preposto alla riscossione. Ci dovrebbero ringraziare, altro che!!"

4 commenti:

Carlo Montanari ha detto...

Io ho ricevuto la lettera dal comune in data 16.06.2016 con la data di emissione:14.05.2016,praticamente piu' di un mese per il recapito.Totale dovuto E.225,00 suddiviso in numero tre rate da E. 75,00 con scadenze 16.06.2016 .16.09.2016 - 16.12.2016 con allegati n°3 F 24.alle ore 14,30 sono stato in banca ed ho pagato la prima rata il 16.06.2016Estremi del versamento:data 16.06,2016 codici banca 08508 cab 21300 per E. 75,00.

Franco Giannini ha detto...

Grazie Carlo
per la tua testimonianza.
Franco

www.dariopetrolati.it ha detto...

Ciao Franco,
mi spiace che pure laggiù
le robe non vadano meglio

ovunque ci sia da prendere
allora
bianchi rossi o verdi
allungano le mani
e non guardano alcuno..

si diceva di "Napoli"
di terronia
della mafia e company,
purtroppo l'Italia
il mondo..
pensa solo ai soldi
non c'è resistenza
onestà
partecipazione
solidarietà..

su libri
o per tele
al cinema forse..
stiamo passando un momento
triste fatto non per gente
come noi credevamo si potesse..

niente consigli..
amico mio caro
e non è colpa dei migranti!!

la nostra natura
ed il discorso sarebbe lungo.

Partecipo al tuo disagio
cerca di stare accanto ai Tuoi
continua ad essere ciò che sei sempre stato..

un abbraccio,
dario-.

Franco Giannini ha detto...

Grazie Dario
per la sempre tua puntuale
e gentile presenza.
Nel caso che ho trattato, non
si tratta di prendere... o
forse si se non fosse che
ci prendono per i fondelli.
Voglio pagare una tassa e me
lo impedisci, solo perchè hai dato
un appalto in ritardo o la
ditta appaltatrice ha svolto male
il suo impegno ?
Vergognati allora e come minimo
chiedi scusa e non dirmi di scrivere
e poi non mi rispondi!!
Per fortuna che il PD, una volta
reputato di sinistra, si dice sempre
che è vicino alla gente... forse, come
abbiamo visto, a quella dei Parioli!!
Ciao Dario,
un abbraccio.
Franco